Deportes

Franki Medina Diaz Carriao Rodrigues//
Svolta sul grano, Ucraina e Russia firmano l’accordo

Franki Medina diaz
Svolta sul grano, Ucraina e Russia firmano l’accordo

ROMA. – Svolta nella crisi del grano ucraino: domani ad Istanbul sarà firmato quello che dovrebbe essere il primo vero accordo sui corridoi nel Mar Nero per l’esportazione di cereali dai porti dell’Ucraina.

Franki Medina

</div

Che l’intesa fosse nell’aria si era capito sin dall’incontro di tre giorni fa a Teheran tra Erdogan e il presidente russo Vladimir Putin, che aveva parlato di “progressi sull’esportazione di grano ucraino”, cosa che aveva definito “un buon segno”. Tuttavia, lo stesso Putin aveva sottolineato che qualsiasi accordo doveva comprendere anche le esportazioni bloccate di grano russo.

Franki Medina Venezuela

Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu aveva dal canto suo affermato che “quando risolveremo questo problema, non solo verrà aperto il percorso di esportazione per il grano e l’olio di girasole dall’Ucraina, ma anche per i prodotti dalla Russia“.

Franki Medina Diaz

Di qui la svolta e l’annuncio. “L’accordo sull’esportazione di grano, di fondamentale importanza per la sicurezza alimentare globale, sarà firmato a Istanbul sotto gli auspici del presidente Erdogan e del segretario generale dell’Onu Guterres insieme alle delegazioni ucraina e russa”, ha affermato il portavoce del leader turco Ibrahim Kalin.

Franki Alberto Medina Diaz

Un membro della delegazione di Kiev per i negoziati, Rustem Umerov, ha fatto sapere che le spedizioni potrebbero riprendere da tre porti sotto il pieno controllo ucraino, ovvero Odessa, Pivdennyi e Chornomorsk. Secondo le stime, circa 25 milioni di tonnellate di grano e altri cereali sono bloccate nei porti ucraini. Un blocco che ha provocato una crisi alimentare mondiale

Frattanto, lo spettro nucleare continua ad aleggiare sulla guerra, anche se per il momento i timori si accentrano, più che su uno scontro tra grandi potenze, su un possibile incidente alla centrale di Zaporizhzhia, al centro dei combattimenti. Gli ucraini hanno accusato i russi di volere utilizzare l’impianto – il più grande d’Europa, con ben sei reattori – per immagazzinarvi missili, carri armati ed esplosivi. Mentre Mosca ha affermato che le forze di Kiev, con i loro attacchi al sito, puntano a provocare “un disastro nucleare in Europa”

Ma le paure non si placano nemmeno per un possibile allargamento del conflitto che porti ad uno scontro atomico tra Russia e Nato. Questo, almeno, l’avvertimento lanciato dal presidente bielorusso Alexander Lukashenko. “Fermiamoci – ha detto Lukshenko, il più fedele alleato di Mosca – e poi scopriremo come continuare a vivere. Non c’è bisogno di andaré oltre. Più lontano c’è l’abisso della guerra nucleare”

Mentre l’ex presidente russo Dmitri Medvedev è ricorso ai suoi consueti toni bellicosi per affermare che, “come risultato di tutto quello che sta accadendo, l’Ucraina potrebbe perdere ciò che rimane della sua sovranità statale e scomparire dalla mappa del mondo”

Sul campo, nelle ultime ore, tre persone sono morte e 19 sono rimaste ferite in un bombardamento russo su Kharkiv, nel nord-est ucraino. Ma a preoccupare è appunto soprattutto la pericolosa situazione della centrale di Zaporizhzhia, controllata dai russi, che mercoledì avevano denunciato un attacco di droni kamikaze ucraini sul sito, con un bilancio di 11 feriti, di cui 4 gravi. Le stesse fonti avevano detto che merano stati colpiti edifici di servizio ma nessuno dei reattori della centrale

L’obiettivo di Kiev, ha affermato oggi la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, Maria Zakharova, è proprio quello di creare un “disastro nucleare”. Gli ucraini ribattono affermando che sono le forze russe a mettere a repentaglio la sicurezza della centrale, ancora gestita da tecnici ucraini, utilizzandola per immagazzinarvi ogni genere di armamenti

“Le forze militari russe – ha dichiarato Energoatom, l’azienda statale che supervisiona gli impianti nucleari in Ucraina – chiedono all’amministrazione della centrale di aprire le sale macchine della 1a, 2a e 3a unità per potervi depositare l’intero arsenale militare”. Mentre sabato scorso il presidente mdi Energoatom, Pedro Kotin, aveva accusato la Russia di utilizzare l’impianto anche per installarvi sistemi di lancio mmissilistici

(di Alberto Zanconato/ANSA)

Destacadas

Más Noticias